Gli interventi di Caritas per l’emergenza abitativa

Dopo l’assegnazione alla Caritas del bando dell’Uti per i servizi di accoglienza e di accompagnamento educativo per persone in condizioni di grave marginalità e a rischio di esclusione sociale, può finalmente prendere avvio il modello dell’Housing firstbasato sull’inserimento di persone senzatetto in singoli appartamenti indipendenti, allo scopo di favorirne la fuoriuscita dal degrado e la reintegrazione sociale. Interventi che si aggiungono a quelli già messi in campo, come l’équipe di contatto, con il compito di monitorare e intercettare sulla strada coloro che non si rivolgono spontaneamente ai Centri di Ascolto, oltre al dormitorio “Il Fogolar“, ai cui 23 posti se ne aggiungeranno presto altri 20 in via Rivis.

Due articoli apparsi oggi, rispettivamente sul Messaggero Veneto e sul Gazzettino illustrano nel dettaglio gli interventi promossi e i numeri che ne sono alla base.

Articolo del Messaggero Veneto   –   Articolo del Gazzettino

Condividi questo articolo

Facebookmail