Testo di Carmine Carinci

La Neos Kosmos Social House: un nuovo mondo

Emergenza Coronavirus: rientrati in Italia i ragazzi del Servizio Civile Universale

La Neos Kosmos Social House, situata all’interno del quartiere omonimo, si presenta come il cuore pulsante del progetto di servizio civile universale organizzato dalla Caritas Diocesana di Udine in collaborazione con Caritas Hellas. La struttura rappresenta un luogo di incontro tra diverse culture che insieme costituiscono una comunità unita che assume le caratteristiche di una grande famiglia.

La peculiarità di questo luogo risiede infatti nelle persone che vivono al suo interno, per la maggior parte migranti provenienti dall’Africa o dal Medio Oriente ma anche greci, che spinte dall’enorme volontà di integrarsi in una realtà nuova sono riuscite ad andare oltre gli ostacoli dovuti alle differenze linguistiche e culturali.

L’integrazione rappresenta un aspetto fondamentale per tutti coloro che sono ospiti all’interno della Social House, vista anche la necessità di stringere rapporti con le altre famiglie che vivono all’interno del quartiere, in modo da superare pregiudizi e barriere che possono risiedere nella popolazione locale.

La bellezza di questo posto è dovuta anche all’ottimo sistema organizzativo attuato dal personale che si occupa della gestione della struttura, come dimostrato dalla presenza di regole chiare e semplici che tutti gli ospiti sono tenuti a rispettare.

Lo svolgimento di riunioni settimanali, inoltre, aiuta a favorire il processo di integrazione in quanto rappresenta l’occasione per poter discutere di problematiche e aspetti positivi relativi alla convivenza.

L’immagine che intende trasmettere la Social House di Neos Kosmos è quella di una nuova speranza e di un nuovo mondo per tutta la sua comunità, un mondo all’interno del quale tutte le persone della casa sociale possano sentirsi felici e accettate.

Autore: Carmine Carinci

Condividi questo articolo

Facebookmail