Il coraggio di ascoltare – 20 giugno, Remanzacco

Il coraggio di ascoltare – letture, musiche e testimonianze di un mondo che si muove” è un evento organizzato dallo SPRAR di Cividale in occasione della giornata mondiale del rifugiato che ricorre il 20 giugno di ogni anno. Si tratta di un appuntamento ad ingresso libero, che avrà luogo a Remanzacco presso l’Arena Broilo Perosa, Via Ziracco, dalle 16:30 in poi.
Ospiti speciali: il rapper carnico Doro Gjat, Aida Talliente e Federico Galvani.
Per ascoltare è necessario scegliere di fermarsi e mettersi a disposizione dell’altro. Per farsi ascoltare – e quindi per raccontarsi – bisogna avere il coraggio di mettersi nelle mani dell’altro, fiduciosi di essere accolti. Lo SPRAR di Cividale vuole offrire l’opportunità agli accolti di farsi ascoltare e alla comunità accogliente di ascoltare la voce dei protagonisti delle migrazioni forzate. Nello specifico l’evento “Il coraggio di ascoltare” prevede diverse tipologie di ascolto dell’altro e diversi tipi di linguaggi.

Programma dell’evento “Il Coraggio di ascoltare”

 
Inizieremo a dialogare con i bambini, le nuove generazioni, attraverso la costruzione di aquiloni per favorire il volo della fantasia, per poi proseguire giocando con la scrittura multietnica e con l’antica poesia giapponese. Verrà poi il momento dell’ascolto di alcuni brani interpretati da un’attrice locale sulle note di una fisarmonica seguite dalle testimonianze di coloro che hanno vissuto il distacco dalla propria terra, il viaggio lungo terre straniere, e l’apporto in Italia. La serata proseguirà attraverso il buffet multietnico preparato dagli operatori e dai beneficiari dello SPRAR. L’evento si concluderà con le note del rapper e cantautore carnico Doro Gjat che presenterà brani originali inerenti al tema delle migrazioni e gli esiti di un piccolo laboratorio svolto con gli accolti sul potere della parola.

Location e orari

Remanzacco, Arena Broilo Perosa, Via Ziracco.
Dalle 16:30 in poi.
Aperto anche ai bambini
Scopri gli altri eventi Caritas dedicati alla Giornata mondiale del rifugiato.

Condividi questo articolo

Facebookmail