Microcredito

Il MICROCREDITO è una forma di prestito personale con finalità etico-sociali, dedicato a persone e famiglie in una fase di difficoltà, che necessitano di una formula di aiuto economico particolare, che non sarebbe possibile ottenere muovendosi all’interno delle procedute bancarie in essere.

Esso nasce nel 2009 e si sviluppa grazie all’azione dei Centri di Ascolto dell’Arcidiocesi di Udine che hanno in seno Volontari, in gran parte provenienti dal mondo elle Banche o dell’Amministrazione Aziendale, dedicati proprio a questa specifica attività.

Microcredito: gli enti che lo sostengono

La struttura del MICROCREDITO poggia su tre parti fondamentali. Al già citato basamento dato dai Centri di Ascolto, che sono 12, distribuiti uno per ogni Forania dell’Arcidiocesi di Udine, si associano le Convenzioni stipulate tra l’Associazione Centro Caritas dell’Arcidiocesi di Udine e quattro Banche di Credito Cooperativo (Banca di Udine, CrediFriuli, BancaTER e PrimaCassa) e con la già Banca Popolare di Cividale, oggi CiviBank. A fare da materiale di coesione, c’è l’apporto della già Fondazione CRUP, oggi Fondazione Friuli. Il mix di questi enti ha creato una rete che si pone l’obiettivo di andare incontro a chi è in situazioni di necessità cercando di intercettarle prima che esse diventino difficilmente risolvibili.

Limiti di erogazione

Il MICRCREDITO ha un suo limite massimo di erogazione pari a 5000,00 € che l’interessato si impegna a restituire pagando un numero massimo di 60 rate. L’interesse applicato è fissato al 3% e viene applicato in tutto e per tutto in ottemperanza alle norme bancarie vigenti.

L’azione Caritas rispetto al microcredito

L’azione del Centro Caritas si concretizza con l’ausilio dei volontari che fungono da “Tutor” nei confronti delle persone interessate. Fare da “Tutor” significa seguire la persona, la famiglia dando un supporto sia tecnico che umano, soprattutto per guidare nel percorso del recupero dell’indipendenza e sostenibilità economica.

L’esperienza fin qui maturata fa dire che non esiste un cliché fisso nell’individuare le persone bisognose di accedere al MICROCREDITO. Chi si rivolge ai nostri Centri di Ascolto proviene in egual misura dai nostri paesi che da paesi esteri. Singole persone, famiglie, giovani 20enni o pensionati a dimostrazione che lo strumento proposto ha delle caratteristiche tali da poter essere funzionale al bisogno contingente.

La funzione del microcredito

Il MICROCREDITO può essere impiegato per il supporto al reddito in particolari situazioni che non necessariamente possono essere di criticità. Ne sono esempio gli interventi per sostenere attivazioni di piccole start-up professionali, finanziamento di corsi professionali. Il MICROCREDITO ha anche la funzione di affiancare le persone e le famiglie nella gestione economica con l’obiettivo di dare maggiore rilevo al valore solidale del prestito e condividere un percorso di conoscenza delle procedure bancarie.

Per dimensionare l’apporto che il MICROCREDITO porta nelle politiche di sostegno e di sussidiarietà, non è corretto citare numeri assoluti poiché ogni attivazione del credito ha una sua particolarità che fa divenire l’intervento un vero e proprio “vestito su  misura”.

Citando il solo dato delle pratiche evase con l’erogazione del prestito nel 2018, pari a 18, si può affermare che questo strumento ha una funzione importante. Le persone interessate possono rivolgersi direttamente al Centro di Ascolto Caritas diocesanoforaniale o parrocchiale più vicino.

Vuoi fare volontariato presso questo servizio?

Approfondisci l’opportunità cliccando qui.

Contatti
Centro di Ascolto Diocesano “Servizio Emergenze Caritas”
Via Treppo, 3 – 33100 UDINE
Tel. 0432/414524 – 5 – 7
fax. 0432/511838
E-mail: lpicco@diocesiudine.it
Referente: Luca Picco

Orari per tutti i centri di ascolto e Microcredito.