Richiedenti asilo

A partire dall’Emergenza Nord Africa del 2011, quando migliaia di profughi sbarcarono in Italia per fuggire dalla guerra in Libia, la Caritas di Udine gestisce diversi progetti di accoglienza di richiedenti asilo sul territorio della Diocesi.

Nell’UTI di Cividale (un’Unione Territoriale Intercomunale di cui fanno parte 15 Comuni limitrofi), la Caritas di Udine ha in gestione lo SPRAR (Sistema Protezione Richiedenti Asilo): un’accoglienza diffusa sul territorio e fortemente orientata all’integrazione. Alle persone accolte nello SPRAR sono garantiti corsi di italiano e corsi professionali, affiancamento legale, accompagnamento e orientamento da parte di operatori formati.

L’accoglienza SPRAR si realizza in piccoli appartamenti dislocati sul territorio: una soluzione più idonea a un percorso di integrazione rispetto a maxi-strutture come caserme abbandonate. Il Ministero dell’Interno affida gli SPRAR locali agli stessi Comuni, che aderiscono su base volontaria concorrendo a un bando nazionale, e a loro volta individuano sul proprio territorio associazioni qualificate alla gestione dell’accoglienza.

Inoltre, a seguito dei numerosi ingressi in Friuli di profughi provenienti via terra dalla cosiddetta “Rotta Balcanica”, alla Caritas è stato chiesto di contribuire al progetto di accoglienza straordinaria “AURA” (Accoglienza a Udine di Richiedenti Asilo), su coordinamento della Prefettura.

A questo vanno aggiunte le accoglienze in Diocesi di profughi sbarcati sulle nostre coste e in seguito trasferiti nelle diverse regioni italiane e ospitati nei cosiddetti CAS (Centri di Accoglienza Straordinaria), aperti per sopperire alle mancanze di un sistema ordinario di accoglienza rivelatosi inadeguato ai nuovi flussi migratori.

Guardando al di là delle logiche emergenziali e della sola erogazione di servizi di base, la Caritas lavora per garantire a tutte le persone ospitate standard di accoglienza mirati all’integrazione e all’attivazione delle risorse individuali.

Per approfondire:

Dall’accoglienza all’integrazione: pubblicazione informativa sui progetti di accoglienza di richiedenti asilo della Caritas di Udine, stampata nel giugno 2017.

Omero è nato a Mogadiscio: storia di chi in Italia cercava l’America e non ha trovato nemmeno l’Italia. Un libro che racconta, con toni tra l’ironico e il drammatico, l’esperienza di lavoro con i richiedenti asilo fuggiti dalla Libia nel corso della cosiddetta Emergenza Nord Africa del 2011. Alcune recensioni: Famiglia Cristiana, Il Fatto Quotidiano, Unimondo.

Abdullah: storia di un richiedente asilo. Un video che riassume un’esperienza tipo di un profugo accolto dalla Caritas di Udine.

 

Contatti

Via Treppo, 3 – 33100 UDINE

tel. 0432/414502

email: pzenarolla@diocesiudine.it

Referente: Paolo Zenarolla