PUBBLICATO IL BILANCIO SOCIALE 2020 DEL CENTRO CARITAS

Cari amici e sostenitori,          

l’adeguamento alle disposizioni della legge delega N. 106 del 06/06/2016 dello Stato ci offre l’opportunità di presentare il servizio che il Centro Caritas dell’Arcidiocesi di Udine ODV ha cercato di realizzare nel corso del 2020. La nostra associazione è nata il 10/01/1986, all’indomani del nuovo Concordato tra lo Stato italiano e la CEI firmato a villa Madama il 18/02/1984.

L’adeguamento statutario, perfezionato con atto notarile il 27/10/2020, ha segnato una tappa importante nella consapevolezza del rapporto della nostra associazione di volontariato con lo Stato italiano e la realtà ecclesiale. Il Centro Caritas, nel suo statuto, si configura come espressione della realtà ecclesiale dell’Arcidiocesi di Udine e traduce in gesti e servizi strutturati i valori del Vangelo e della Chiesa diocesana di Udine. Questi valori e criteri cerchiamo di tradurli nell’operatività, nel tentativo di essere significativi e autentici per i credenti, la società e le persone in situazione di bisogno.

Il Centro Caritas si è strutturato secondo le indicazioni della Caritas italiana per essere attento ai poveri presenti nel nostro territorio diocesano e alle povertà, in modo da rendere visibile ciò che effettivamente sta a cuore alla Chiesa; per incidere sulle cause delle povertà e non limitarsi a curare gli effetti, con una specifica azione politica; per indicare ai credenti e a coloro che sentono di appartenere alla chiesa di Gesù Cristo un luogo di servizio concreto (Opere Segno) ai poveri, per cambiare la prospettiva della propria visione di vita e rendere operativa la fede che professano.

Le descrizioni dei servizi raccontano fatti e azioni concrete, ma lasciano solo intuire la professionalità e le motivazioni profonde degli operatori e dei volontari che li hanno resi possibili. Sono stati tutti centrati sul valore incancellabile delle persone e della loro promozione umana, sociale e civile. Il rapporto tra le persone ha la caratteristica di essere reciproco e arricchente per tutti coloro che entrano in una relazione umana. Non si dà esclusivamente o soltanto si riceve, ma nel rapporto autentico avvengono tutti e due questi momenti.

Quello che ci siamo proposti di attivare o sostenere nei servizi e nei progetti è stato possibile perché la nostra associazione ha potuto usufruire dei fondi dell’8×1000 messi a disposizione della Caritas diocesana dalla Diocesi. Questo ci ha dato una base per concorrere ai bandi dello Stato italiano, della Regione Friuli Venezia-Giulia e dei Comuni. Tutti questi contributi legati ai servizi e ai progetti sono documentati nell’esposizione.

Una partecipazione consistente è avvenuta attraverso le donazioni di imprese, enti e donatori privati, anonimi e non. Abbiamo collaborato e sostenuto attività e servizi di comunità parrocchiali e associazioni presenti sul territorio diocesano, caratterizzandoci come realtà sussidiaria ai servizi e ai progetti di carità e promozione umana. Il rapporto consolidato con alcuni istituti bancari del territorio ci ha permesso di operare a sostegno del microcredito. Abbiamo offerto la cornice legale a numerosi progetti parrocchiali e foraniali legati all’ascolto, alla distribuzione di alimenti, vestiti e oggetti utili alla casa. Attraverso le borse lavoro siamo riusciti a rendere reale, per numerose persone in difficoltà di inserimento lavorativo, l’accesso al lavoro e al reddito.

L’attenzione alla mondialità ci ha fatto attivare e consolidare rapporti con alcuni Paesi del mondo sia europei che dell’America Latina, del Medio Oriente e dell’Asia. Questo in coerenza con l’impegno nelle scuole per formare ad uno sguardo universale e alla presenza di numerosi migranti nella nostra terra e società.

Il nostro punto di partenza sono dunque i poveri e i loro ambienti di vita. Non si danno servizio, accompagnamento, promozione e partecipazione senza prossimità. Ciò che ci aiuta quotidianamente è incontrare i volti dei nostri fratelli e sorelle, riconoscere la reciproca dignità e cercare di camminare assieme nel pellegrinaggio della vita.

Udine 25/06/2021

 

don Luigi Gloazzo

Presidente Centro Caritas dell’Arcidiocesi di Udine ODV

LEGGI IL NOSTRO BILANCIO SOCIALE

Condividi questo articolo

Facebookmail